Valerio Rocco Orlando • Lover's Discourse

Dal 02.03.2011 al 19.03.2011

Valerio Rocco Orlando presenta presso Careof il primo capitolo di un ciclo nato durante una residenza di sei mesi all’International Studio & Curatorial Program di New York.

In Lover’s Discourse giovani coppie di innamorati dialogano sul rapporto tra identità individuale e di coppia all’interno della comunità di Williamsburg (New York). La videoinstallazione è accompagnata da molteplici materiali prodotti durante l’elaborazione dell’opera (fotografie, registrazioni audio, testi…).
In occasione della presentazione del progetto americano, Valerio Rocco Orlando avvia la produzione di un nuovo capitolo del ciclo, focalizzato sulla Chinatown milanese, il quartiere dove l’artista da anni risiede, a pochi metri dalla Fabbrica del Vapore. Il video avrà origine da una serie di interviste a coppie di innamorati cinesi, che qui si incontrano e si sposano, spesso senza entrare in relazione con il territorio circostante. Attraverso una capillare distribuzione di volantini e il coinvolgimento di alcuni mediatori all’interno della comunità, l'artista tenterà di comprendere le dinamiche che muovono le relazioni di una nuova generazione di immigrati e il loro rapporto con la cultura locale.
Mercoledì 2 marzo 2011 alle ore 19, in occasione dell’inaugurazione della mostra, l’artista dialoga con il critico Paola Nicolin.

Lover’s Discourse è parte del ciclo di produzioni video sulla città di Milano, Ritratti. Percorsi video a Milano, che Careof ogni anno commissiona ad artisti italiani e internazionali. Le produzioni ad oggi realizzate sono Memoria Esterna (2007) di ZimmerFrei, Matter in Motion (2008) di Semiconductor, Paradigma Indiziario (2009) di Meris Angioletti.

Bio

Valerio Rocco Orlando (1978, Milano) vive e lavora tra Milano e New York.
Selezione mostre personali. 2011: Quale Educazione per Marte?, Nomas Foundation, Roma. 2010: Lover’s Discourse, Momenta Art, New York; Coexistence, Tiziana Di Caro, Salerno. 2008: Niendorf (The Damaged Piano), Galleria Maze, Torino.
Selezione mostre collettive. 2010: Something: Random, Unexpected, Desired, Imagined, Risky, Pratt Manatthan Gallery, New York; _videoREPORT ITALIA:0809, GC. AC, Monfalcone; Open Studios, ISCP, International Studio & Curatorial Program, New York; BYOA, X Initiative, New York. 2009: Biennale di Monza, Serrone della Villa Reale, Monza; Video.it, Fondazione Merz, Torino; Emerging Talents – New Italian Art, CCCS, Palazzo Strozzi, Firenze.